Descrizione

di Giovanni Angelini, nuova ed. a cura di Andrea Angelini

Padova: Officine grafiche Stediv, 1948 . – 85 p. , 16 p. : ill. 24 cm . – Ristampa Belluno : Fondazione Giovanni Angelini, 1998 Zoldo Confini Verso il Cadore / Giovanni Angelini . – 2. ed. . – Belluno : [Fondazione Giovanni Angelini], stampa 1999 . – 173 p. : ill. ; 24 cm . –

Il cofanetto “Scritti di Giovanni Angelini” contiene due volumi curati da Andrea Angelini, il primo dei quali, “La Difesa della Valle di Zoldo nel 1848” rappresenta la ristampa dell’omonima pubblicazione risalente al 1948, a cura di Giovanni Angelini, che ricostruisce le vicende della strenua difesa della valle dall’invasione austriaca da parte di un gruppo di valorosi valligiani seguaci di Pier Fortunato Calvi, in località Mezzocanale. Una lapide commemorativa al riguardo murata sull’Osteria da Ninetta a Mezzocanale, contiene la scritta “I municipi di Zoldo aprendo negli anni 1878-1880 questa nuova strada a vita dei loro paesi, segnao a documento ad esempio a conforto dei posteri che nel memorando 1848 i loro padri […[ ogni varco di questa valle dagli assalti nemici guardarono 40 giorni e nel 27 maggio qui in questo sito sostennero e respinsero l’urto ostinato di tremila soldati dell’Austria”. Il secondo volume dal titolo “Zoldo, Confini verso il Cadore” raccoglie i seguenti scritti di carattere storico di Giovanni Angelini, pubblicati in ordine sparso nella rivista “Archivio storico di Belluno Feltre e Cadore”: “Note di demografia della valle di Zoldo nel passato”, “Sovèle o Sovèlego: note di confine medievale fra Zoldo e Cadore”, “Controversie medievali di confine tra Cadore e Zoldo”, “Il confine settentrionale di Zoldo verso il Cadore in epoca medievale”, “Aggregazione transitoria di Zoldo al Cadore, 1509-1517”, “la Val Tovanella nei secoli XV-XVI” e “Zoppé di Cadore: “La strada e il cimitero dei pagani”. I volumi contengono carte e immagini d’epoca.

Sommario:
Giuseppe Favretti: “Zoldo nel 1848”
Angelo Pra Baldi: “Il mese di magio nel 1848 in Zoldo”
Valentino Panciera Besarel: “Alcune Memorie (1848)”
Don Luigi Olivo: “Memorie sui fatti avvenuti in Zoldi nel 1848”
Rosa Celotta: “Lettere e documenti del 1848”