Il progetto RIMOF 2. Rischio idraulico e morfodinamica fluviale. Teorie e applicazioni

//Il progetto RIMOF 2. Rischio idraulico e morfodinamica fluviale. Teorie e applicazioni

Il progetto RIMOF 2. Rischio idraulico e morfodinamica fluviale. Teorie e applicazioni

12,00

Atti del convegno svoltosi il 6 luglio 2009 presso il Palazzo del Bo’ dell’Università di Padova sui problemi della sicurezza geologica ed idraulica nell’ambiente montano in generale e nella provincia di Belluno in particolare. Il volume riporta contributi alla previsione delle piene fluviali del Piave, studi sulle portate in alveo e dei fenomeni idrologici.

 

Categoria:

Descrizione

A cura di Ester Cason Angelini, ediz. Fondazione G. Angelini e Università di Padova, Dipartimento IMAGE ora ICEA, 2012

Atti del convegno organizzato da Fondazione G. Angelini e Dipartimento IMAGE al Palazzo del Bo dell’Università di Padova, Archivio Antico, il 6 luglio 2009 per presentare gli esiti della ricerca scientifica RIMOF 2, condotta sotto la guida di Andrea Rinaldo e sostenuta dalla Fondazione Cariverona.

Contributi di: A. Rinaldo, L. D’Alpaos, L. Carniello, M. Altissimo, M. Marani, S. Weill, G. Cassini, R. Deiana, M. Rossi, M. Putti, G. Zolezzi, R. Luchi, M. Tubino, M. Bolla Pittaluga, G. Seminara.

Casa editrice: Fondazione G. Angelini – Centro Studi sulla Montagna, Piazza Mercato 26, 32100 BELLUNO

Anno di edizione: 2012

Settore: Idraulica/Idrologia

Pagine: 112

Dimensioni: 17 x 24

ISBN: 978-88-86106-36-8

Il volume tratta di problemi ambientali che hanno a che fare con le acque, con le esondazioni di fiumi e torrenti in pianura e nelle città, oltre che in montagna, oggi purtroppo di stretta attualità. Tali problematiche implicano la necessità di mettere in conto parametri e fenomeni che sono generalmente di malcerta conoscenza e dunque di difficile previsione. Oggi, però, per lo studio, la prevenzione e la protezione civile connessi con i problemi delle acque sono disponibili strumenti di previsione formidabili: i modelli matematici idrologico-idraulici, basati sulla descrizione puntuale della geometria e topografia dei bacini idrografici, mostrano grande affidabilità nel simulare la riposta di un bacino a eventi intensi di precipitazione, come si può evincere dalle relazioni contenute nel volume, che dopo la premessa di Andrea Rinaldo, hanno i seguenti titoli: La difesa dalle piene del Lago di Santa Croce, Belluno (Università di Padova); Processi idrologici di versante: osservazioni di campo e modellazione matematica (Università di Padova); Fra meandering e braiding: isole e variazioni di larghezza come elementi distintivi delle morfologie di transizione (Università di Trento); Verso una cultura a fondo mobile nella progettazione di interventi di sistemazione fluviale (Università di Genova).