Cos’è la Fondazione

//Cos’è la Fondazione
Cos’è la Fondazione 2017-05-26T10:16:23+00:00

La Fondazione nasce da una raccolta di libri antichi, carte geografiche e immagini di montagna, collezionata dall’illustre medico, alpinista, accademico del C.A.I. e scrittore, Giovanni Angelini, perché fosse il nucleo base di un istituto di studi alpini e sostegno di coloro che vivono in montagna. Su questo fondamento il Comune di Belluno, assieme all’Università di Padova e alla famiglia Angelini, ha costituito nel 1991 la Fondazione, con una dotazione iniziale messa a disposizione da 14 comuni della Provincia di Belluno tramite la locale Cassa di Risparmio (ora Cariverona), con sede nel palazzo del Monte di Pietà dato in uso dalla stessa Cassa di Risparmio.

La Fondazione, ente non a scopo di lucro, ha lo scopo di promuovere la ricerca scientifica e la formazione culturale sulla montagna come ambiente geografico, geologico, naturalistico, alpinistico, antropologico, linguistico, artistico, economico; di valorizzare e salvaguardare l’ambiente montano (art. 2 dello Statuto). Realizza gli scopi istitutivi, attraverso:

  • corsi di formazione per docenti e studenti delle scuole bellunesi, per professionisti e tecnici sulle problematiche della montagna;
  • corsi didattici estivi di 15 gg. dell’Università di Padova per studenti della stessa Università (corsi di recupero) e corsi brevi di specializzazione per laureati; da segnalare un master in “Difesa del suolo e Protezione civile” (2002-2004);
  • progetti di ricerca scientifica e convegni sui temi d’interesse della Fondazione, e conseguenti pubblicazioni.

Quale istituto di studi geografici, attribuendo alla Geografia il significato proprio di sinergia di scienze diverse, disciplina di interrelazione tra le scienze fisiche ed umane, conduce annualmente corsi di aggiornamento di Geografia sulle forme e criticità del paesaggio montano, itineranti sul territorio, in collaborazione col CAI, sotto la guida del prof. G.B. Pellegrini geomorfologo, destinati in primis agli insegnanti e a varie figure di formatori. Realizza inoltre dal 1991 un piano di ricerca di toponomastica montana del quale pubblica i risultati in una serie di quaderni dal titolo “Oronimi Bellunesi” (10 titoli), riguardanti la provincia di Belluno e le zone limitrofe d’oltreconfine.

Le attività scientifiche della Fondazione, sostenute dall’opera preziosa dell’Associazione Amici della Fondazione e da alcuni volontari, sono principalmente ideate ed elaborate in seno al Consiglio Scientifico, composto da alcuni docenti universitari italiani e stranieri e diretto dal Rettore pro-tempore dell’Ateneo di Padova.

Il Consiglio Scientifico è ora costituito, oltre che dal rettore, da: Giuseppe Stellin (Economia ed Estimo civile), Luigi D’Alpaos (Idraulica), Giovanni Battista Pellegrini (Geomorfologia), Franco Viola (Ecologia), Giovanni Leonardi (Paletnologia), Paolo Mietto (Geologia-Paleontologia), Davide Pettenella (Economia ed Estimo forestale), Vittorio Dal Piaz (Beni Architettonici) per l’Università di Padova; Paul Guichonnet (em.to di Geografia dell’Università di Genève), Ernst Steinicke (Geografia dell’Università di Innsbruck) e Johannes Kramer (Romanistik, Università di Trier). Per il raggiungimento dei suoi obiettivi la Fondazione collabora con altri Centri di studi italiani e stranieri, avendo istituito l’11 nov. 2000, per volontà di Andrea Angelini, l’Associazione internazionale “Rete Montagna“, una rete che riunisce e coordina le attività su varie tematiche che concernono la montagna, di cui funge da segreteria.

L’operatività viene assicurata dal Consiglio di Amministrazione cui fa capo il sindaco pro-tempore della Città di Belluno, che vede rappresentati, oltre alla Città, l’Università di Padova, la famiglia Angelini, i Comuni della Val di Zoldo, il CAI e due Enti partecipanti: l’Associazione Amici della Fondazione e il Consorzio BIM Piave (8 membri).

LO STATUTO COSTITUTIVO

Lo Statuto della Fondazione, approvato e riconosciuto con decreto del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali del 22.09.1997 e registrato al n. 243, contiene i principi fondamentali per i quali opera la Fondazione. In data 3 marzo 2003 la Fondazione G. Angelini è stata iscritta nel Registro delle Persone Giuridiche dell’Ufficio Territoriale del Governo di Belluno al n. 230.

Esso precisa in sintesi che la Fondazione ha sede in Belluno, Piazza del Mercato 26, presso il Palazzo del Monte di Pietà, dato in uso dalla Fondazione Cariverona; che sono soci fondatori dell’istituto il prof. Giovanni Angelini, il Comune di Belluno e l’Università di Padova; che gli organismi con i quali opera la Fondazione sono il Consiglio di Amministrazione (retto dal sindaco pro-tempore della città) e il Consiglio Scientifico (retto dal rettore pro-tempore dell’università). Il patrimonio iniziale della Fondazione è costituito dal lascito bibliotecario di Giovanni Angelini, assieme alla dotazione finanziaria dei quattordici comuni bellunesi tramite l’allora Cassa di Risparmio (ora Unicredit).

In particolare l’Art. 2 recita:

La Fondazione ha per scopi la promozione e lo sviluppo della ricerca scientifica e della formazione culturale sulla montagna, intesa come ambiente geografico, geologico, naturalistico, alpinistico, antropologico, linguistico, artistico, economico; la valorizzazione e la salvaguardia dell’ambiente montano.

La Fondazione realizza i suoi scopi:

a. con corsi pluriennali, annuali, periodici, rivolti anche all’aggiornamento dei docenti delle scuole, organizzati con le istituzioni ed i soggetti della ricerca e con l’Università in particolare;

b. con la costituzione di una biblioteca basata sul patrimonio della Fondazione che promuova studi, ricerche, raccolte di pubblicazioni e documenti sulla montagna veneta e bellunese in particolare;

c. con conferenze e cicli di conferenze, in collaborazione con enti , associazioni, istituzioni che abbiano con la Fondazione scopi comuni;

d. con convegni di studio locali, nazionali, internazionali, rivolti in particolare ai giovani;

e. con l’istituzione di borse di studio per laureandi che svolgano tesi sui diversi aspetti della montagna;

f. con la realizzazione di pubblicazioni e periodici.